Dentista Roma
Antibiotici per mal di denti

telefono dentista roma whatsapp dentista roma
antibiotici mal di denti

L'uso degli antibiotici per il mal di denti quando è necessario in odontoiatria e/o endodonzia e quali utilizzare.

L’uso esagerato e spesso ingiustificato degli antibiotici da parte della popolazione è, come sappiamo, la causa dell’aumento di fenomeni di Antibiotico-Resistenza ad alcune terapie.

L’Odontoiatria è tra le discipline mediche dove la prescrizione  di antibiotici è più frequente.

In genere la terapia canalare, essendo confinata all’interno dello spazio endodontico, non richiede l’ausilio di Terapia Antibiotica, perché la detersione e disinfezione dei canali radicolari, è sufficiente per prevenire la diffusione della patologia nelle zone periapicali.
In alcuni casi, però la Terapia Antibiotica è necessaria:

  • quando ci sono in atto ascessi periapicali acuti con diffusione del processo infettivo ai tessuti ossei e rigonfiamento evidente e dolente della zona interessata;
  • quando la presenza di elementi cariati per molto tempo, porta l’aumento di batteri nella zona interessata e rende inefficacie l’anestesia, con conseguente dolore ed impossibilità del trattamento canalare;
  • quando il trattamento canalare si trasforma in trattamento chirurgico (Apicectomia), in quanto l’intervento è sicuramente più invasivo.

L’Antibiotico di prima scelta per il mal di denti appartiene alla categoria dei beta-lattamici e nello specifico è l'Amoxicillina (i farmaci di marca più conosciuti che contenengono solamente Amoxicillina sono: Amox, Velamox, Sievert, Sinotpen, Zimox).
La scelta di somministrare Amoxicillina + acido clavulanico(Augmentin, Clavulin, Neoduplamox) può essere utile in tutti quei casi che non rispondono in prima battuta alla sola Amoxicillina. L' acido clavulanico incrementa lo spettro di azione verso i ceppi di batteri antibiotico resistenti, inoltre, serve ad aumentare il tempo di vita dell'Amoxicillina nell'organismo, potenziandone ulteriormente l'efficacia.

Usualmente, si prevede per entrambi i farmaci una dose d’attacco di 1 gr ogni 12 ore almeno per 5/6 giorni di terapia, per consentire all’antibiotico di espletare tutta la sua efficacia e ridurre al minimo i rischi di  resistenza batterica.

I beta-lattamici possono dare importanti reazioni allergiche in pazienti sensibilizzati. In tali soggetti è indicato l’impiego di un antibiotico diverso.
Per i pazienti che evidenziano fenomeni allergici, principalmente Amoxicillina, possono essere prescritti:

  • Claritromicina da 500mg (Klacid) –1 compressa ogni 12 ore per 6 giorni, comunemente il più utilizzato;
  • Climdamicina da 600mg (Dalacin) – 300 mg ogni 6 ore per 6 /8 giorni;
  • Azitromicina 500mg (Zitromax) –1 compressa ogni 24 ore per 3 giorni.

Vogliamo sottolineare che l'uso di antibiotici deve sempre avvenire sotto stretto controllo medico e che il fai da te può risultare estremamente pericoloso e dannoso.

L'uso di tetracicline in gravidanza è una delle principali cause di denti gialli e/o macchiati nei feti. Assumere questo tipo di antibiotico senza aver prima consultato un medico rischia di danneggiare irrimediabilmente i denti del nascituro.

L'impiego di terapia antibiotica spesso comporta la comparsa di diarrea dovuta all'eliminazione sia dei batteri nocivi che di quelli necessari ad una corretta digestione.

La causa ha origine nella proliferazione di un batterio di nome Clostridium che sostituisce la flora batterica intestinale. Il batterio in questione produce due tossine capaci di danneggiare la mucosa intestinale causando diarrea e colite.

In caso di diarrea prestare estrema attenzione al sopraggiungere della disidratazione sopratutto nei bambini e negli anziani.

E' necessario contrastare i danni alla flora batterica intestinale assumendo fermenti lattici vivi, probiotici e fibre prebiotiche.

I lattobacilli ed i bifidobatteri contenuti in questo tipo di integratori, normalmente presenti nell’intestino umano, contribuiscono sensibilmente a ripristinare il regolare funzionamento di tutto l'apparato digerente.

Per tutta la durata della terapia antibiotica è meglio preferire il tipo di alimentazione cosidetta "in bianco", scegliendo cibi che non affatichino le funzioni di stomaco ed intestino e che invece apportino energia e nutrimento.

Vanno bene spremute e frullati di frutta e verdura, passate ed estratti perchè ricchi di vitamine, liquidi e sali minerali.

Pesce e carni bianche sono da preferirsi, meglio se cotte con pochi grassi.

Pasta e riso conditi a crudo con olio e poco parmigiano vanno bene in quanto forniscono energia.

Ottimi anche legumi e cereali (non in scatola poichè potrebbero contenere conservanti).

Latte e derivati

Lo Yogurt e i derivati del latte potrebbero rallentare l'azione terapeutica degli antibiotici.

Alcolici

E' bene evitare l'uso di alcolici di ogni tipo(birra,vino,amari,grappa e superalcolici in generale) durante la terapia antibiotica per evitare di sovraccaricare il fegato.

Spezie

Evitare le spezie (Pepe, Peperoncino) e tutti i condimenti irritanti.