Dentista Roma
Cura del Bruxismo con il Bite

whatsapp dentista roma
dentista roma cura bruxismo bite

Il Bruxismo è una parafunzione: cioè una funzione che non è utile al paziente, ma che ha delle cause scatenanti ancora non perfettamente codificate e degli effetti, invece, molto rilevanti sull’apparato stomatognatico. Il paziente bruxista serra e digrigna i denti durante il sonno con modalità ed intensità di forza variabile, specialmente durante le prime fasi del sonno.

Le cause che inducono questa parafunzione sono oggetto di studio da parte della comunità scientifica internazionale, ma a tutt’oggi sono stati individuati due principali temi di discussione.

Fattori meccanici, che intervengono in pazienti con arcate dentarie non in perfetto allineamento, quindi con alterazioni della posizione di alcuni denti rispetto alla funzione a cui sono deputati. Gioca un ruolo molto importante anche la presenza di corone protesiche incongrue con alterata altezza che indurrebbero la mandibola a percorsi anomali nell’apertura e chiusura della bocca.

Fattori psicologici, il Bruxismo sarebbe in effetti un tic che rappresenterebbe lo sfogo di stress accumulati durante il giorno.

Tra le conseguenze maggiori del Bruxismo possiamo citare le alterazioni progressive all’articolazione Temporo-Mandibolare (A.T.M.) e contratture dolorose della muscolatura del collo conseguenti al continuo lavoro asimmetrico dei muscoli elevatori della mandibola.

La terapia di questa parafunzione è legata all’uso di un dispositivo intraorale mobile chiamato “Bite”.

Bite

Bite rigido

Il Bite è una placca mobile costruita con diversi materiali e di durezza variabile, legato alla problematica presentata dal paziente. E’ progettato in maniera assolutamente individuale, poiché è fondamentale regolare l’altezza dell’occlusione in modo da allentare le tensioni a carico dell’ATM e dei muscoli elevatori della mandibola.

L’uso del Bite impedisce l’usura dei denti e delle eventuali corone protesiche presenti. Nei Bruxisti cronici, i carichi masticatori possono raggiungere valori molto elevati, in quanto la funzione masticatoria continua anche durante le ore notturne. Quindi, interponendo fra le arcate dentaria una placca morbida mobile, (Bite notturno), si evita di “consumare i denti”.

L’uso di un Bite rigido porta ad un immediato sollievo, in tutti quei pazienti che hanno un dislocamento del disco articolare, con conseguente dolore e rumore articolare in apertura ed in chiusura della mandibola. Questo tipo di dispositivo è soggetto a controlli da parte dell’Odontoiatra, che ne valuterà l’efficacia e la congruità nel tempo.

L’utilizzo di un Bite in resina può alleviare anche dolori algico-facciali, in tutti quei pazienti particolarmente sensibili, che soffrono di Cefalee riconducibili a Disordini Tempora Mandibolari, in cui la parafunzione innesca una sintomatologia dolorosa tipo Emicrania.

Si possono utilizzare nello sport come paradenti o contro il russamento notturno.

Nei casi di bruxismo diurno si osserva un comportamento consapevole che però è molto difficile evitare. E' paragonabile a mangiarsi le unghie, mordere le labbra, masticare tappi delle penne o masticare di continuo gomma americane(chewingum).

Il bruxismo notturno nella quasi totalità dei casi non viene avvertito. Purtroppo non si deve considerare solamente un semplice disturbo poiché con il tempo tale comportamento porta danni molto gravi dovuti ad una notevole usura dei denti che perdono l'altezza e lo strato di smalto fino ad arrivare, all’esposizione della dentina, portando di ad una maggiore incidenza della carie.

  La gestione di un caso di Bruxismo dipende dalla complessità della patologia. Normalmente viene prescritto l'utilizzo di un Bite.

Per realizzare il Bite è necessario rilevare l'impronta dentale in un primo incontro.

Nel secondo appuntamento verrà consegnato il Bite costruito indivdualmente dal nostro settore odontotecnico.

Verranno successivamente effettuate divrese visite di controllo a seconda della complessità del caso trattato.


dentista roma dottoressa deborah nicosia
Autrice dell'articolo "Faccette Dentali" è la Dottoressa Deborah Nicosia, Dentista Roma.